Emergenza mal di denti: ecco i dolori peggiori

Emergenza mal di denti: ecco i dolori peggiori

Avere mal di denti può essere, a volte, molto più doloroso del previsto. Quali sono i dolori peggiori? Come fare a prevenirli?

Pulpite

Tra i dolori peggiori che si possono provare troviamo la pulpite, cioè l’infiammazione della polpa del dente.  Quali sono i sintomi? L’aumento di sensibilità del dente al caldo e al freddo o a cibi con quantità di zucchero sono tra i sintomi più frequenti. E la causa? È il processo carioso che quando si avvicina alla polpa provoca processi infiammatori causati dalla presenza di batteri.

Tale patologia ha un livello di dolore molto alto perché la polpa dentaria è densamente innervata ed ogni nervo invia il proprio messaggio nervoso al sistema nervoso centrale. Il dolore può essere così acuto da rendere impossibile sonno e masticazione.

Dolori gengivali

La gengivite è l’infiammazione dei tessuti molli delle gengive, solitamente dovuta ad una cattiva igiene orale, infezioni o alla placca. Il colore delle gengive è un buon indicatore della salute del cavo orale, possono infatti essere rosse, gonfie e sanguinanti.

La malattia è reversibile dopo la rimozione delle cause responsabili. Tale condizione dovrebbe essere affrontata in modo tempestivo per impedire che evolva in parodontite, cioè nella malattia infiammatoria che coinvolge le strutture intorno al dente.

(Leggi qui per approfondire: Gengivite: cos’è? Esistono dei rimedi naturali per contrastarla?)

Ascesso del dente

Derivante da una carie mal curata, si tratta di un’infezione anche nella polpa del dente. Il dolore che si prova è forte, a carattere pulsante, gengive invece si gonfiano e si arrossano. Spesso inoltre può fuoriuscire del pus.

Nei casi più gravi si gonfiano anche guancia e occhi.

Per evitare tale problema è importante la prevenzione ed un controllo periodico dal dentista.

Dolori mandibolari

I disturbi temporomandibolari, più comunemente noti come ATM, colpiscono l’articolazione posta tra mascella e mandibola, ovvero la giunzione che permette di aprire e chiudere la bocca.

Questo disordine può essere molto doloroso e interessare non soltanto l’articolazione temporomandibolare, ma anche i muscoli che la circondano.

I sintomi più comuni dell’ ATM sono dolore o difficoltà, a volte addirittura perdita, della funzionalità motoria della mandibola, mal d’orecchio, acufene (ronzii all’orecchio), mal di testa, scricchiolio durante l’apertura e chiusura della bocca, dolore facciale e vertigini.

Esercitare la mascella permette di aumentare il flusso di sangue e di ossigeno all’articolazione temporomandibolare e ai muscoli circostanti, contribuendo ad alleviare il dolore e a mantenerla funzionale e in salute.

La prevenzione al primo posto!

Alcuni di questi problemi possono tuttavia essere evitati o provocare minor dolore grazie ad una corretta igiene orale e controlli periodici dal proprio dentista.

Leggi qui gli errori da evitare! » Gli errori più comuni nell’igiene orale.