Dentizione: i rimedi casalinghi ai fastidi dei primi dentini

0
18.594 views
Dentizione: i rimedi casalinghi ai fastidi dei primi dentini

Il periodo della dentizione può rappresentare un momento frustrante per i genitori, i quali devono fare i conti con sintomi più o meno riconoscibili riconducibili alla crescita dei primi dentini da latte.

Ogni bambino reagisce diversamente a questa fase della crescita (come già riportato qui): gonfiore e dolore alle gengive, eccessiva salivazione, sonno disturbato, riduzione dell’appetito e difficoltà ad alimentarsi, attitudine a mordere, masticare e succhiare qualsiasi cosa gli capiti in mano.

Quando, dopo un consulto con il pediatra, si è certi che questi sintomi siano causati della dentizione è possibile utilizzare dei semplici rimedi casalinghi per alleviarli.

Ecco i più utilizzati:

“Mani in bocca”

Con i primi fastidi gengivali il bambino tenderà a mettersi più spesso le mani in bocca e mordicchiarle per alleviare il dolore, questo può essere considerato un primo rimedio se si ha cura di lavargli spesso le mani in modo da non farlo entrare in contatto con i germi.

Il freddo dà conforto

Il ghiaccio ha un’azione anestetica e disinfiammante, molto utile per le infiammazione della bocca.
Per questo è di grande conforto per le gengive l’introduzione di cibi, come yogurt, frutta e verdura, freschi dal frigorifero.

Un rimedio molto utile che sfrutta l’effetto anestetico del ghiaccio è il ghiacciolo alla camomilla; basterà preparare un impacco di acqua e camomilla e farlo ghiacciare in freezer.

Massaggiagengive: quali sì e quelli da evitare

Per evitare che il bimbo metta tutto quello che gli capita sottomano in bocca, è utile acquistare dei “giochi” appositamente studiati per questa fase costituiti da materiali atossici.
Esistono massaggiagengive specifici per ogni fase della dentizione con materiali, forme e dimensioni diverse.

I materiali più consigliati sono caucciù, silicone, legno naturale e bioplastica sono da evitare tutti i prodotti che contengono ingredienti tossici come il BPA (bisfenolo A), PVC (cloruro di polivinile), o gli ftalati; tra i formati più apprezzati ci sono gli anelli refrigerati, i quali sono pieni di un liquido che, dopo essere stato tenuto in frigo, mantiene una bassa temperatura.

Garza e massaggio

Una buona abitudine, utile anche per detergere le gengive ed i dentini appena nati, prima dell’uso dello spazzolino, è l’utilizzo di una garzina o fazzoletto di cotone per massaggiare l’interno della bocca.
Specialmente se imbevuto nella camomilla o nel bicarbonato, e raffreddato in frigo o in freezer, lenirà l’infiammazione dalle gengive gonfie e arrossate.

Oli, creme e gel

Sono numerosi gli oli, i gel e le creme da applicare nella bocca, studiate per risolvere i problemi legati alla dentizione, che siano specifici per calmare lo stress e il nervosismo o per lenire l’infiammazione, il gonfiore e il dolore alle gengive.
I più utilizzati sono i prodotti omeopatici che sfruttano i principi attivi di alcune sostanze naturali, facilmente reperibili in farmacia o erboristeria.

Per una soluzione più “casalinga” si può optare per un massaggio calmante alla mascella con olio extravergine di oliva e olio essenziale di camomilla.

Camomilla, timo, malva, calendula

Le sostanze naturali più utili sono il timo, l’aole vera, la calendula, la malva (emolliente specifico per le affezioni del cavo orale) e la camomilla (contro il dolore forte, l’irrequietezza e la salivazione abbondante) che se applicate ogni tre ore circa hanno proprietà calmanti e lenitive.

Radice di viola (o Iris)

La radice di Viola o di Iris si ammorbidisce con la saliva e libera i suoi principi attivi, antinfiammatori ed antidolorifici, dando una effetto calmante. La radice può essere legata con un cordino al polso del bambino o al collo della mamma.

Verdure croccanti

Finocchi, carote, sedano e cetriolo rappresentano dei massaggiagengive naturali.
Possono essere usati nella prima dentizione, quando i dentini sono ancora pochi (per evitare che il bimbo riesca a staccare pezzi troppo grossi di verdura), per essere ciucciati e masticati senza problemi.

Medicinali antidolorifici

Prima di utilizzare medicinali antidolorifici generici è bene consultarsi con il proprio pediatra, farne dunque uso solo se prescritti.

Comportamenti utili

Per favorire il sonno, può risultare utile sollevare la testa con un cuscino leggermente più alto in modo da favorire la decongestione gengivale.

Da evitare

Sono da evitare tutti i prodotti, creme, gel, oli che contengono miele; oltre a causare il botulismo può portare ad una precoce formazione delle carie.

Fatti mordere!

In questa delicata fase, a causa dei dolori e dei fastidi causati dalle gengive, i bambini risultano essere più nervosi e capricciosi, meno propensi al riposo e alla nutrizione.
È compito dei genitori consolare i piccoli e offrire loro tutte le attenzioni necessarie, per il rilassamento ad esempio sono utili le coccole e i massaggini, a volte può essere d’aiuto strofinare semplicemente il proprio dito – ben lavato – sulle gengive per creare un po’ di sollievo.

Come già spiegato ogni bambino è diverso e oltre ad avere sintomi differenti, ognuno risponderà in maniera differente a questi rimedi; è dunque importante studiare il rimedio più adatto al proprio bimbo con un po’ di attenzione e con una grande dose di pazienza.