Stressato al lavoro e problemi a dormire? Il problema è più serio di quanto pensi

Stressato al lavoro e problemi a dormire? Il problema è più serio di quanto pensi

Lo stress da lavoro e il sonno alterato sono collegati a un rischio triplo più alto di morte cardiovascolare in lavoratori con ipertensione.

Questo è il risultato della ricerca pubblicata sull’European Journal of Preventive Cardiology, una rivista della European Society of Cardiology (ESC).

L’autore dello studio, il professor Karl-Heinz Ladwig, del Centro di ricerca tedesco per la salute ambientale e della facoltà di medicina dell’Università tecnica di Monaco, ha dichiarato: “Il sonno dovrebbe essere un momento di svago, di rilassamento e di ripristino dei livelli energetici. Il sonno ti aiuta a recuperare. Purtroppo, il sonno e lo stress lavorativo sono spesso associati alla pressione e, quando combinato con l’ipertensione, l’effetto è ancora più nocivo “.

Un terzo della popolazione attiva soffre di ipertensione (pressione alta). Ricerche precedenti hanno dimostrato che i fattori psicosociali hanno un maggiore effetto negativo sugli individui con rischi cardiovascolari preesistenti rispetto a quelli sani.

Lo studio

Questo è stato il primo studio ad esaminare gli effetti combinati dello stress da lavoro e del sonno alterato sulla morte per malattie cardiovascolari nei lavoratori ipertesi.

Lo studio ha incluso 1.959 lavoratori ipertesi di età compresa tra 25 e 65 anni, senza malattie cardiovascolari o diabete. Rispetto a quelli senza stress da lavoro e buon sonno, le persone con entrambi i fattori di rischio avevano una probabilità tre volte maggiore di morte per malattia cardiovascolare. Le persone con stress da lavoro da sole hanno avuto un rischio 1,6 volte più elevato, mentre quelle con un sonno limitato hanno avuto un rischio 1,8 volte più elevato.

Durante i controlli, quasi 18 anni, il rischio assoluto di morte cardiovascolare nel personale iperteso aumentava gradualmente con ogni condizione aggiuntiva. I dipendenti con stress da lavoro e sonno alterato hanno avuto un rischio assoluto di 7,13 per 1.000 persone-anno rispetto a 3,05 per 1.000-persone in quelli senza stress e sonno sano. I rischi assoluti per il solo stress da lavoro o il solo sonno scarso erano rispettivamente di 4,99 e 5,95 per 1.000 anni-persona.

Nello studio, lo stress da lavoro è stato definito come un lavoro con una forte domanda e un controllo basso, ad esempio quando un datore di lavoro desidera ottenere risultati, ma nega l’autorità di prendere decisioni. “Se hai elevate esigenze ma anche un controllo elevato, in altre parole puoi prendere decisioni, questo può anche essere positivo per la salute“, ha affermato il professor Ladwig. “Ma essere intrappolati in una situazione sotto pressione che non hai il potere di cambiare è dannoso.

Il sonno alterato era definito come difficoltà nell’addormentarsi e / o nel mantenere il sonno. “Il mantenimento del sonno è il problema più comune nelle persone con lavori stressanti“, ha affermato il professor Ladwig. “Si svegliano alle 4 del mattino per andare in bagno e tornare a letto a rimuginare su come affrontare i problemi di lavoro“.

Questi sono problemi insidiosi“, ha osservato il professor Ladwig. “

I risultati

Ogni condizione è un fattore di rischio a sé stante e tra di esse vi è un collegamento, il che significa che ognuno aumenta il rischio dell’altro: attività fisica, alimentazione sana e strategie di rilassamento sono importanti, così come i farmaci che abbassano la pressione se necessario“.

Fonti:

https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/2047487319839183