Essere perfezionisti può avere conseguenze sull’umore e sui denti

Essere perfezionisti può avere conseguenze sull’umore e sui denti

Le pressioni della società hanno portato ad un aumento dei sintomi depressivi, sono quasi il 30% gli studenti universitari a soffrirne.

Chi ha un comportamento perfezionista può soffrire infatti di depressione e di bruxismo, cioè l’abitudine di stringere, serrare o digrignare i denti.

Il numero dei giovani depressi è in aumento 

Il numero dei giovani con sintomi depressivi  è triplicato rispetto alla popolazione generale.

In quanto tali, i ricercatori sono sempre più interessati a identificare i fattori che contribuiscono ai sintomi depressivi per aiutare a frenare la sempre crescente epidemia di depressione.

Il perfezionismo e la depressione 

Lo studio, pubblicato su Personality and Individual Differences, si è concentrato su uno di questi fattori: il perfezionismo.

Il perfezionismo si riferisce alla tendenza a lottare ostinatamente per raggiungere la perfezione e mantenere standard altisonanti. Tuttavia non consiste solo nel fissare obiettivi nobili e nel cercare il meglio ma, al contrario, comporta la tendenza a sentire che altre persone richiedono la perfezione.

I perfezionisti sono inclini a credere che non sia mai abbastanza e quindi si è bloccati in un ciclo infinito di sconfitte in cui ogni nuovo compito è visto come un’opportunità di fallimento, delusione e duro auto-rimprovero.

La disconnessione sociale 

Diversi studi suggeriscono che una ragione chiave per cui perfezionismo e depressione vanno di pari passo è la disconnessione sociale, cioè la tendenza a sentirsi antipatici e rifiutati da altre persone.

Lo studio ha affrontato questo problema studiando due forme specifiche di disconnessione sociale:

  • discrepanze interpersonali (percependo una lacuna tra il modo in cui si è e il modo in cui le altre persone vogliono che tu sia)
  • disperazione sociale (aspettative negative riguardo al successo delle relazioni future).

Dallo studio che ha esaminato 127 studenti universitari, è emerso che il perfezionismo genera un senso di continua delusione e disapprovazione da parte degli altri, il che a sua volta fa innescare sentimenti che le relazioni future non miglioreranno mai e sono destinate a fallire.

Il perfezionismo e il bruxismo 

Non solo la depressione, chi è perfezionista rischia anche di non gestire nel modo migliore lo stress e, conseguentemente, sfogare quest’ultimo sui denti. Parliamo di bruxismo, cioè l’abitudine a digrignare, serrare e strofinare i denti con conseguenze dannose fisiche ed estetiche.

Gli effetti dannosi del Bruxismo

Ecco i principali effetti del bruxismo sui denti, e non solo:

  • Usura dei denti progressiva che, riducendosi, diventano piatti e affilati, effetto che può creare piccoli traumi su lingua e guance-
  • Usura dello smalto dentale in grado di provocare sensibilità dei denti al caldo e al freddo.
  • Mobilità dentale: le continue sollecitazioni tendono a indebolire i denti, che possono subire delle spaccature dovute alla pressione.
  • Disturbi del sonno: il rumore prodotto dal digrignamento dentale può essere tanto intenso da svegliare sia chi ne è affetto, sia i familiari.
  • Affaticamento della muscolatura masticatoria, che, non avendo la possibilità di riposare nemmeno di notte, diventa dolente.
  • Rumori e dolori alle articolazioni temporo-mandibolari con progressiva alterazione delle superfici articolari.
Fonti:
http://psycnet.apa.org/record/2017-57603-001