Gengivite in aumento, ma solo la metà si cura dal dentista

Gengivite in aumento, ma solo la metà si cura dal dentista

Sono 23 milioni gli italiani che soffrono di disturbi parodontali. Alcuni addirittura, non riconoscendone i sintomi, non sanno di soffrirne o non gestiscono seriamente il problema.

Secondo una ricerca indagine che fotografa il rapporto tra italiani e la salute delle gengive, effettuata dall’Istituto di ricerca Gfk su un campione di 2000 persone sopra i 25 anni infatti, i risultati sono preoccupanti.

I risultati

Come spiega Stefania Fregosi, Regional Head of Marketing Effectiveness: “otto italiani su dieci dichiarano di soffrire di almeno un disturbo del cavo orale, tra cui sensibilità dentinale (48%), gengivite (47%), problemi di placca e tartaro (42%) e alito poco fresco (29%)”.

Non solo: oltre alla metà della persone che soffrono di gengivite, un ulteriore 18% presenta i sintomi ma non li riconosce.

Un altro aspetto preoccupante che è venuto fuori dall’indagine è relativo alla bassa reattività nel risolvere il problema, quindi solo la metà di chi ne soffre va dal dentista.

Cosa fare?

In questo contesto diventa quindi essenziale che tutti gli operatori sanitari facciano qualcosa per sensibilizzare ognuno di noi.

È Mario Aimetti, presidente della Sidp, Società italiana di parodontologia e implantologia a lanciare la riflessione.

Le conclusioni

Conclude  Aimetti spiegando che è fondamentale che il paziente impari nel dettaglio le corrette manovre di igiene orale e altrettanto importante è l’empatia del paziente.

Fonte:

ANSA