L’olio di cocco per combattere la carie

0
182 views
Alimenti e bite per combattere lo stress

L’olio di cocco è un antibiotico naturale in grado di attaccare i batteri che causano la carie. 

All’ Athlone Institute of Technology in Irlanda è stata testata l’azione antibatterica sia dell’olio di cocco al naturale che dell’olio di cocco arricchito con enzimi, per simulare il processo digestivo. 

Gli scienziati hanno scoperto che l’olio di cocco modificato con enzimi ha fortemente inibito la crescita della maggior parte dei ceppi di batteri dello streptococco, tra cui lo streptococco mutans, un batterio che è una delle principali cause di carie.

Le diverse proprietà dell’olio di cocco

L’olio di cocco però non è solo un alleato nella prevenzione della carie ma è un vero e proprio toccasana per la salute del cavo orale. I principali benefici sono:

Combatte l’alitosi: uccidendo i batteri nocivi favorisce un alito più fresco e profumato

Previene e cura gengiviti e placca: se usato costantemente riduce la formazione della placca ed evita l’infiammazione delle gengive.

Ha un effetto sbiancante: l’olio di cocco è un’ottima alternativa agli sbiancanti chimici in quanto, come prodotto naturale, mantiene i denti splendenti e bianchi senza il rischio di effetti collaterali. 

Come preparare un dentifricio all’olio di cocco

Bastano solo 3 ingredienti per fare un dentifricio totalmente naturale. A differenza di molti dentifrici in commercio, non contiene fluoruro di sodio, solfati né derivati del petrolio.

Ecco quello che ti serve:

  • mezza tazza di olio di cocco
  • 2 cucchiai di bicarbonato di sodio
  • 10 gocce di olio essenziale di menta o cannella (a seconda del gusto personale)

La Preparazione è facilissima: basta a ammorbidire leggermente l’olio di cocco, solitamente è solido, e aggiungere tutti gli altri ingredienti  mescolando bene. Il dentifricio va conservato in un barattolo. Ne basta una piccola quantità sullo spazzolino da denti.

Data la presenza di bicarbonato di sodio, che a lungo andare può essere corrosivo sullo smalto, vi consigliamo di usare il dentifricio fai da te solo per alcuni periodi (quelli in cui volete avere denti più bianchi e brillanti) oppure, se intendete farne un uso quotidiano, potete eliminare questo ingrediente.

Perchè l’aggiunta di olio di cocco nel dentifricio potrebbe essere un’importante scoperta

Il dott. Damien Brady, che ha guidato la ricerca sopra citata, ha dichiarato: “La carie dentale è un problema di salute comunemente trascurato che colpisce il 60-90% dei bambini e la maggior parte degli adulti nei paesi industrializzati. Incorporare olio di cocco modificato con enzimi nei prodotti per l’igiene dentale sarebbe un’alternativa interessante agli additivi chimici, in particolare perché funziona a concentrazioni relativamente basse. Inoltre, con l’aumento della resistenza agli antibiotici, è importante rivolgere la nostra attenzione a nuovi modi per combattere le infezioni microbiche “.

Fonti:

https://www.alphagalileo.org/en-gb/Item-Display/ItemId/90895?returnurl=https://www.alphagalileo.org/en-gb/Item-Display/ItemId/90895