Perché si digrignano i denti (e come si può smettere di farlo)

0
1.193 views
Perché si digrignano i denti (e come si può smettere di farlo)

Può capitare di bruxare di giorno o di notte e le cause potrebbero essere delle comuni abitudini.

Cos’è il bruxismo

Se quando ti svegli hai regolarmente dolore alla mascella o mal di testa è segno che bruxi.

Il termine bruxismo è utilizzato in medicina per identificare il fatto di digrignare i denti o di tenere la mascella serrata a lungo, che a detta degli specialisti sono due fenomeni diversi.

Secondo l’American Academy of Oral Medicine, il bruxismo comporta lo slittamento della mascella con i denti, azione che può provocare l’appiattimento visibile dei denti.

Al contrario, stringere i denti e serrare i muscoli della mascella non produce un simile danno alla dentatura. In entrambi i casi però le persone che ne soffrono possono lamentare dolore muscolare e dolore e/o lesioni all’articolazione della mascella.

Spesso si pensa al bruxismo come ad un fenomeno notturno. In realtà capita di bruxare anche da svegli; sembrerebbe infatti che circa l’8% degli adulti e il 33% dei bambini digrigni o stringa i denti, anche se i medici sospettano che la percentuale sia molto più alta, visto che molta gente non si accorge di farlo.

Perché si bruxa

Stress e ansia sono tra le cause principali, secondo quanto sostiene il Dr. Michael Lerner, otorinolaringoiatra di Yale. Quando siamo stressati il corpo rilascia più adrenalina e cortisolo, sostanze che aumentano la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e i livelli di energia con una conseguente eccessiva tensione alla mascella e ai muscoli della masticazione, per tale motivo alcuni soggetti digrignano i denti.  

Altri fattori scatenanti sono l’alcool, la caffeina, il cioccolato, bibite energetiche, sigarette e perfino alcuni i farmaci come gli antistaminici o gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina o SSRI, che influenzano i livelli di dopamina nel cervello – una sostanza chimica che aiuta a controllare l’attività muscolare e motoria.

In altri casi il bruxismo potrebbe essere collegato a problemi alla mascella o alla masticazione, come ad esempio un morso anormale o dei denti disallineati e mancanti. Durante il sonno solitamente i denti si incastrano l’uno nell’altro ma, se non sono allineati correttamente, non si bloccano correttamente e scivolano uno accanto all’altro producendo il tipico rumore del bruxismo. 

Come smettere di bruxare

Se sospetti di essere bruxista rivolgiti al tuo dentista che potrebbe consigliarti un bite.

Usare un bite ti aiuterà a limitare i danni allo smalto e ad alleviare la tensione muscolare. Puoi scegliere tra un bite personalizzato fatto dal tuo dentista o di acquistarne uno farmacia, meno preciso di quello del dentista ma decisamente meno impegnativo come spesa.

Se il bite non dovesse funzionare alcuni dentisti raccomandano le iniezioni di Botox alla mascella, che hanno un effetto solo di alcuni mesi ma possono essere molto efficaci.


Fonte:

https://www.huffpost.com/entry/what-it-means-grinding-teeth